La città dei Bruzi

Cosenza sorge sui sette colli (Pancrazio, Guarassano, Torrevetere, Gramazio, Triglio, Mussano e Veneri) nella Valle del fiume Crati, alla confluenza di quest'ultimo con il Busento. Il nucleo storico, meglio conosciuto come Cosenza vecchia, rispecchia gli standard dei tipici centri antichi meridionali, caratterizzato da vicoli erti, stretti e tortuosi. Le origini della città risalgono al IV secolo a.C. quando s'insediarono nel Cosentino i Brettii o Bruzi, che combatterono contro i Lucani e i Sanniti. Capitale dei Bruzi fu Consentia. Città sempre affamata di libertà si oppose al dominio di Roma, alleandosi prima con Pirro e in seguito con Annibale. Poi, nel 73-71 a.C., si unirono alla rivolta degli schiavi guidata da Spartaco. Poco dopo, Roma sciolse la lega dei Bruzi, tolse a Consentia lo stato di città della Repubblica romana e di capitale, riducendola a semplice colonia romana. Nel periodo di massimo splendore imperiale Cosenza divenne un passaggio obbligato per le comunicazioni con Reggio e la Sicilia: per Consentia passava via Popilia. Durante le invasioni barbariche, Alarico, re dei Visigoti, nel 410 saccheggiò Roma e trovò la morte a Cosenza. La legenda racconta che i Goti, deviarono il fiume Busento, nei pressi di Cosenza, e nel letto depositarono il corpo di Alarico, con ricchi trofei e parte del tesoro conquistato a Roma. Le acque furono poi fatte ritornare nel loro letto primitivo e furono ammazzati tutti coloro che avevano preservato la tomba per preservare il segreto. Cosenza subì varie dominazioni e passò dai Normanni agli angioni e agli aragonesi. Sotto Federico II di Svevia fu completato e consacrato il Duomo di Cosenza, nel quale fu fatto seppellire il figlio primogenito Enrico VII. La terra di Calabria subì vari terremoti che devastarono anche Cosenza.

{mosmap}
Iscriviti per ricevere la nostra programmazione
Privacy e Termini di Utilizzo

Prossimi eventi

Dove siamo

Indirizzo
C.da Prato, San Marco Argentano
Recapiti telefonici

Giampiero +39 329 535 30 43

Maria +39 340 167 5 500
Scrivici
info@masseriaperugini.it